Just Cloud: salvataggio dei dati al sicuro nella nuvola

Di , scritto il 10 Luglio 2012

Le funzionalità del servizio Just Cloud sono numerose e degne di attenzione : questo servizio usa una piccola applicazione posizionata sul desktop per trasferire i propri dati “nella nuvola” e permette quindi di accedervi da qualunque luogo e in qualsiasi momento e con qualsiasi device (fisso o mobile), poiché tutti i dati sono al sicuro, criptati e archiviati “nel cloud”.

Un servizio professionale di utilizzo semplice, rapido e illimitato che funziona bene anche come soluzione per il backup dei dati sul proprio hard disk – anche automatizzato e selettivo – così come per la sincronizzazione dei dati (basta specificare quali file e cartelle si desiderano sincronizzare, quando e su quali macchine. In questo modo si può iniziare a lavorare a un file sul PC dell’ufficio e proseguire sul treno oppure arrivati a casa mediante un laptop, uno smartphone o un altro computer. Senza trasferire dati su chiavette USB o passare per la posta elettronica!

Just Cloud fornisce anche l’opzione di condivisione di file e cartelle tra amici o colleghi: basta invitarli mediante e-mail, Facebook o Twitter o dare loro il proprio link personale: Just Cloud rende facile collaborare al lavoro sui file, anche di grandi dimensioni.

Sul sito non vengono indicati prezzi di abbonamento, ma viene presentato solo un invito a provare il servizio gratuitamente per 14 giorni, previa iscrizione.

Mascherine in pronta consegna

1 commento su “Just Cloud: salvataggio dei dati al sicuro nella nuvola”
  1. luca ha detto:

    Anche io l’ho comprato dopo aver letto questa recensione:
    http://www.cloudstoragenews.it/#!recensione-justcloud/c2tj


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloDownload.it – Guide e consigli su programmi e software da scaricare supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009