Pikkano – condivisione di foto private criptate, per Android e iOS

Di , scritto il 11 Maggio 2021
Pikkano

Per condividere e ricevere immagini criptate in modo sicuro, Pikkano è l’applicazione perfetta perché evita che le immagini siano memorizzate in un cloud o in una applicazione. Come funziona in sostanza? L’utente può criptare la sua foto generandone un’altra criptata con risoluzione massima di 1024 x 1024. In questo modo la fotografia criptata contiene l’immagine reale e solo condividendola e decriptandola con Pikkano sarà visibile. Questo strumento è disponibile sia per gli utenti Android, su Google Play, sia per gli utenti iOS, su Apple Store.

Il procedimento è semplicissimo. Bisogna:

  • Scattare una fotografia.
  • Selezionarla dalla galleria fotografica.
  • Crittografarla con Pikkano e condividerla in qualsiasi applicazione di messaggistica o social network.

Prima di inviarla, il dispositivo sottopone alcune domande. Tra queste, la durata di visualizzazione dell’immagine (da un minuto a 24 ore) e il numero delle decifrazioni possibili (il ricevitore non potrà scaricarla o usarla all’infinito). Per quanto riguarda la privacy, l’applicazione offre un servizio anonimo: non bisogna utilizzare dati personali come numeri di telefono, bensì un numero di codice, che sarà l’identificativo per criptare e decriptare le foto.

Questo tool è utile soprattutto quando si ha la necessità di condividere documenti personali o numeri di conto corrente. Una volta risposto alle domande viste precedentemente e quindi impostata la durata, a tempo scaduto, l’immagine semplicemente scomparirà. Pikkano è scaricabile gratuitamente e si possono criptare a costo zero fino a dieci immagini. Se invece si preferisce avere un numero illimitato di operazioni basterà pagare 4,49 euro.


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2021, P.IVA 01264890052
SoloDownload.it – Guide e consigli su programmi e software da scaricare supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009