Con Snapily e due foto si può creare una cartolina con effetto 3D

Di , scritto il 13 Settembre 2010

Con il servizio online del sito americano Snapily si possono trasformare due semplici immagini digitali in una sorprendente ‘animazione simil-3D, in cui la prima si alterna rapidamente alla seconda e viceversa. Se le due foto sono molto simili tra loro, per esempio due scatti fotografici presi in rapida sequenza, si avrà un effetto di movimento molto simpatico. Se invece le due foto rappresentano due soggetti totalmente diversi per posizione e colori, l’effetto risultante sarà quello di ‘sfogliare un libro’ (flip book).

Il modo di procedere è molto semplice e gratuito per la prima foto (attenzione, seguite bene le istruzioni perché potrete provare una sola volta): occorre effettuare l’upload della prima foto e poi quello della seconda foto, che devono essere entrambe orientate orizzontalmente (formato landscape), si digita l’eventuale testo o messaggio da abbinare alle immagine e poi si preme sul pulsante Done. Il software lavora e restituisce un’immagine basculante, che crea un effetto di movimento molto simpatico. Vi viene fornito un codice embed per incorporarla in una pagina web oppure condividerla su Facebook, Twitter, WordPress o Myspace. Se non siete soddisfatti del risultato, potete modificare o sostituire una delle foto. Se invece volete richiedere la stampa della cartolina che avete creato su una speciale carta fotografica che mantenga l’effetto, vi costerà 3.99 dollari per ogni copia.

Sul sito Snapily è possibile mettere a punto con estrema facilità anche biglietti da visita, album fotografici, quaderni e segnalibri personalizzati, sempre con sorprendenti effetti di animazione.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloDownload.it – Guide e consigli su programmi e software da scaricare supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009