GetBack Photo: un software per recuperare le foto cancellate dalla memory card

Di , scritto il 18 Agosto 2011

Le foto sono spesso depositarie di ricordi preziosi e hanno un valore in alcuni casi inestimabile dal punto di vista personale. E’ un’esperienza sgradita rendersi conto che le foto digitali scattate a un matrimonio, a una cerimonia importante o in vacanza siano state inavvertitamente cancellate, senza previo backup. Può anche succedere che la memory card della fotocamera sia difettosa, che la chiavetta USB su cui le avevate salvate è stata inopinatamente formattata, così come la scheda di memoria del vostro smartphone. Talvolta le foto importanti sono contenuti in documenti PDF o Word che vengono cancellati.

In tutti questi casi viene in soccorso il programma GetBack Photo di Ashampoo, che consente il veloce recupero delle immagini da vari supporti di memoria. A differenza di molti altri programmi “undeleter”, questo riesce a recuperare non solo le foto cancellate nella maniera consueta, ma anche quelle precedentemente conservate su supporti riformattati.

Ecco alcune altre caratteristiche del programma:
* Scansione completa dei supporti
* Recupero dei metadati, per esempio dati EXIF ed IPTC
* Supporto di tutti i più comuni formati di file per immagini (JPG, PNG, BMP, GIF, RAW)
* Visualizzazione delle foto recuperabili sotto forma di thumbnail.

Purtroppo, nel programma, messo a punto in Germania, esistono interfacce in varie lingue, ma non in italiano. In ogni caso, come capirete dagli screenshot qui sotto, l’interfaccia è estremamente intuitiva. Il software è scaricabile in prova per 40 giorni, alla scadenza dei quali per continuare a usarlo bisognerà versare 15,99 dollari.





Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloDownload.it – Guide e consigli su programmi e software da scaricare supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009