Magical Defrag: deframmentazione continua e silenziosa dell’hard disk

Di , scritto il 29 Novembre 2011

E’ giunto alla versione numero 3 il software pluripremiato Magical Defrag, in grado di “scatenare” le migliori performance, anche di computer non più nuovi di zecca. E’ vero che anche in Windows esiste una funzione per effettuare la deframmentazione dell’hard disk, però la procedura è così lunga che si finisce per rimandare e rimandare ancora, fino a quando la manutenzione non riesce più a compensare le perdite nelle prestazioni. Ecco perché conviene un software come questo, che si attiva automaticamente nei momenti in cui il computer non viene utilizzato e in questo senso consente all’utente di proseguire nella routine di lavoro senza distrazioni.

Oltre a questo lavoro in background unico nel suo genere, Magical Defrag 3 – che costa circa 14 euro – offre anche una vasta gamma di opzioni per una personalizzazione completa del lavoro di defrag, con una schedulazione a piacimento a intervalli di tempo predefiniti, a cui può aggiungersi un’avvio dell’operazione in qualsiasi momento con la semplice pressione sul tasto ‘Start job’.

Altra caratteristica importante del programma è la protezione SSD, che impedisce al software di estendere il processo di deframmentazione alle unità a stato solido: questi drive sono infatti progettati per non dover essere deframmentati. E farlo non fa che abbreviarne la vita.

Il salvaschermo integrato consente di tenere traccia del processo di deframmentazione ed è disponibile in vari design che vivacizzano un po’ un processo essenzialmente tecnico. Qui sotto potete ad esempio vedere lo screensaver della deframmentazione rappresentata come un planisfero.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloDownload.it – Guide e consigli su programmi e software da scaricare supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009