Recover My Photos: software per il recupero di foto digitali

Di , scritto il 30 Agosto 2012

Se avete accidentalmente cancellato delle foto, non fate l’errore di sovrascrivere altri dati sulla vostra scheda di memoria prima di aver tentato un recupero delle immagini digitali. Potete farlo con il software Recover My Photos, che si interfaccia con la scheda di memoria mediante una porta USB o un lettore di schede di memoria FireWire, senza alterarne i contenuti.

Il software opera solo su Windows e per essere installato richiede almeno 128 Megabyte di RAM. Riesce a recuperare foto nei formati JPEG, TIF, PNG, CRW e RAW e video con estensioni MOV, MPEG e AVI, anche da chiavette USB e microdrive.

Inutile promettere che il recupero delle foto digitali sia sempre possibile: alcune fotocamere utilizzano infatti un processo di eliminazione distruttiva, specialmente quando si effettua la formattazione di una scheda di memoria. Ma poiché esistono centinaia di modelli diversi di fotocamere, è impresa impossibile tentare di stilare una lista sulle funzionalità di cancellazione di ogni marchio e modello: tanto vale provare con il software e vedere se il processo di recupero può essere portato a termine. A questo proposito, prima di comprare il software sotto forma di DVD, può essere utile scaricare la versione “Download” dal sito con la quale sarà possibile capire subito se il recupero delle foto in questione è possibile: infatti esse saranno visualizzabili nell’interfaccia. In quel caso vale la pena di spendere i 39,95 dollari per tornare in possesso dei preziosi ricordi che si ritenevano perduti. Iscrivendosi sul sito, si otterrà poi il diritto di scaricare aggiornamenti del programma gratuiti a vita.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloDownload.it – Guide e consigli su programmi e software da scaricare supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009