Apple rinuncia al DRM, ma non ai guadagni!

Di , scritto il 01 Giugno 2007

drm free in itunesIl drm non piace agli utenti, questo ormai lo si sa da tempo, ma il fatto che ora anche le compagnie e le case discografiche inizino ad accantonarlo è un fatto abbastanza significativo. Apple per prima ha fatto il grande passo, confermando la possibilità, già da tempo prevista, di acquistare brani dall’iTunes store senza DRM.

Ma Apple ha fatto di più, l’accordo con la casa discografica EMI permette infatti di avere da subito a disposizione una serie di brani, di autori anche piuttosto famosi, senza protezione drm . Il rovescio della medaglia? tutto a favore di Apple, ogni brano “drm free” costa infatti 30 centesimi in più, per cui 1.29 euro a canzone, contro i 0.99 cents della versione con drm. Per gli album si parla di un’aggiunta di circa 3 euro sul prezzo finale.

Chi avesse già acquistato canzoni protette avrà a disposizione un tool di conversione, e con 30 centesimi di aggiunta potrà liberarsi delle odiose protezioni. Mi viene da sorridere sinceramente d fronte a una politica che condiziona fortemente l’utente a favore di Apple e dei suoi guadagni. Il Drm appare così più una fonte di ricavi extra che una reale protezione necessaria, e non capisco perchè pagare 30 centesimi in più, per qualcosa che dovrebbe spettarmi di diritto, senza limitazioni di sorta!

Non so quanti fra voi siano soliti acquistare su iTunes, ora continuerete a farlo?



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloDownload.it – Guide e consigli su programmi e software da scaricare supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009