iTunes Match: dove scaricarlo e come usarlo

Di , scritto il 02 Maggio 2012

iTunes Match è il servizio di sincronizzazione musicale di Apple. Finalmente arriva anche in Italia, così anche gli utenti nostrani potranno salvare la loro library musicale su iCloud: i brani tratti dai CD che si possiedono e le canzoni acquistate dallo Store possono così essere ascoltati dovunque, con un device o un computer Apple, purché la zona sia coperta dal Wi-Fi. L’ascolto può avvenire in modalità streaming oppure in seguito a un download (in questo caso non serve più il Wi-Fi). A differenza di servizi analoghi, questo si chiama Match perché consente di ‘abbinare’ le canzoni contenute nella propria library con il database di Apple e di averle subito disponibili nella Cloud senza caricarle. Tutto questo con un abbonamento del costo di 24,99 euro annuali per un massimo di 10 dispositivi connessi.

Scompare quindi la necessità di avere i file sui dispositivi. La nuvola può contenere fino a 25.000 file audio. Non ci sono limiti di spazio, ma un brano non può pesare più di 200 MB e non si può sincronizzare un file salvato ad un bitrate più basso di 96 kbps (come nel caso di alcuni podcast). I brani di formato ALAC, WAV o AIFF vengono convertiti in locale in un file temporaneo a AAC 256 kbps e poi caricati su iCloud.

iTunes Match ha dei requisiti di sistema piuttosto alti: sistema operativo Mac OS X v10.6.8 o superiore, Windows Vista o superiore, iTunes 10.5.1 o superiore, iOS 5 o superiore per iPhone 3GS, iPhone 4, iPhone 4S, iPod touch (di 3a generazione o 4a), iPad o iPad 2.

Per usare Itunes Match serve un Apple ID, meglio lo stesso che si usa su iCloud oppure quello con cui è comprata la musica.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloDownload.it – Guide e consigli su programmi e software da scaricare supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009