You Tube: il terrore corre sul video

Di , scritto il 09 Dicembre 2008

torri-gemelleUn’ agenzia USA di monitoraggio al terrorismo, la Site Intelligence Group, ha segnalato la presenza di estremisti islamici che fornirebbero istruzioni su come utilizzare il servizio YouTube di condivisione video per diffondere la loro propaganda ai propri militanti. Secondo il gruppo Site Intelligence i militanti sarebbero stati invitati a utilizzare YouTube con istruzioni rilasciate in messaggi lanciati attraverso i forum islamici su Internet.

La settimana scorsa un estremista è stato autore di una lezione di come inviare un video step by step e ha descritto il sito come uno dei più “famosi e grandi siti che pubblicano video provenienti da tutto il mondo”. Il militante incoraggiava i lettori del messaggio dicendo che il sito di YouTube è uno dei più semplici per registrare e caricare i clip e continuava dicendo: “Ti chiedo, in nome di Allah, non appena hai letto questo messaggio, di avviare la registrazione su YouTube, e di iniziare a tagliare e scaricare video e pubblicare clip sui forum jihadisti islamici e sui forum in generale”. Il messaggio dell’estremista chiede anche un “attacco in massa a You Tube” da parte dei militanti e contiene anche numerosi screenshot che mostrano passo per passo le istruzioni su come creare un account su YouTube e le istruzioni per caricare materiale.

Al momento non sono state rilasciate dichiarazioni da parte dei responsabili del sito sull’accaduto e quali siano i provvedimenti che intendono prendere.

Nel mese di marzo, le autorità pakistane avevano ordinato ai fornitori di servizi Internet di bloccare il suddetto sito web, dopo aver preso coscienza che sullo stesso veniva pubblicato materiale ritenuto offensivo per l’Islam.

Roberta Sonia


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2022, P.IVA 01264890052
SoloDownload.it – Guide e consigli su programmi e software da scaricare supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009