Wordfast, una memoria di traduzione: provate la demo!

Di , scritto il 26 Giugno 2008

wfPer i professionisti della traduzione tecnica, usare un software per la traduzione assistita (in inglese CAT, computer-aided translation) è ormai quasi un dovere. In particolare, le memorie di traduzione, tra le quali Wordfast è sicuramente la più semplice da usare, non sono dei traduttori automatici che propongono una loro “versione” nell’altra lingua, tutta da verificare. Le memorie di traduzione registrano e salvano la traduzione di una frase da parte dell’utente del programma e, in caso di ricomparsa della stessa frase nel testo originario, la ripropongono automaticamente. Al traduttore non resta che validarla con un clic. Quando si traducono manuali, cataloghi, listini prezzi e testi tecnici, spesso le variazioni da un’edizione all’altra sono minime. Avendo a disposizione una memoria di traduzione già “certificata” perché usata in un testo precedentemente tradotto, la quantità di lavoro viene drasticamente ridotta e la resa nel tempo è infinitamente maggiore.

Uso da quasi un anno Wordfast e lo consiglio a tutti. Ho iniziato scaricando sul mio PC la versione demo, ho studiato i punti principali della guida, ho guardato i tutorial video e ora lo impiego quotidianamente. Più traduco e più cresce il numero di frasi memorizzate a mia disposizione con un semplice clic. A un certo punto ho deciso di acquistare una licenza ufficiale perché avevo superato il limite di 500 frasi in memoria che offre la demo e sono contentissima di averlo fatto. Il programma possiede molte altre funzioni accessorie, che si scoprono lavorando. Sembrerà una sciocchezza, ma anche solo il fatto che il testo di partenza venga automaticamente suddiviso in frasi via via presentate in un riquadro colorato sotto il quale bisogna inserire l’equivalente tradotto (come si vede nella foto, anche se in lingue diverse dall’italiano) velocizza incredibilmente il lavoro e da solo varrebbe l’acquisto del software. Di solito infatti bisogna scrivere “sopra” il testo in Word rischiando sempre di dimenticare delle parti; oppure bisogna usare come riferimento un testo cartaceo con enorme fatica per gli occhi e un alto rischio di introdurre imprecisioni. Con WordFast, invece, quando la traduzione è finita, basta premere il tasto clean up e il testo nella lingua originale scompare, resta solo quello in italiano, già perfettamente formattato.
Allora, volete provare anche voi? Questa è la home page di WordFast in italiano, qui trovate la versione demo da scaricare e qui eventuali tutorial (in inglese).


2 commenti su “Wordfast, una memoria di traduzione: provate la demo!”
  1. […] un po’ come avviene nelle memorie di traduzione come WordFast, di cui abbiamo parlato in questo post. In questo maniera, grazie al contributo dell’intervento umano, che riesce a disambiguare gli […]

  2. […] professionista abituato a software di traduzione sofisticati e memorie di traduzione come Wordfast, esiste Nicetranslator, un semplice di traduzione online facile da […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloDownload.it – Guide e consigli su programmi e software da scaricare supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009