Clext: un editor di testi gratuito online davvero divertente

Di , scritto il 07 Giugno 2016

Clext screenshotClext è un word processor che merita assolutamente una menzione. Nasce come una sorta di protesta contro la monotonia degli attuali editor di testi, che di solito sono degli applicativi basati su pagine virtuali di carta sui quali digitiamo delle letterine nere di testi interminabili in formato più o meno noioso. Con Clext invece si può scrivere (direttamente online, senza necessità di iscriversi) con la compagnia di colori nello sfondo che seguono il tono del testo (almeno in lingua inglese e spagnola): se scriviamo un testo con parole che indicano tristezza i colori diventano scuri, mentre se le parole indicano sentimenti di allegria e felicità la colorazione dello sfondo diventa chiara e vivace. Il sistema permette di scrivere ogni paragrafo in un box separato, per passare a quello seguente è sufficiente premere il tasto Enter della nostra tastiera. In questo modo i testi sono ben suddivisi in sezioni, anche se in qualsiasi momento si può passare alla visualizzazione più tradizionale con tutti i paragrafi nella stessa pagina: è sufficiente premere il tasto “Raw text” nella parte superiore della pagina. Una volta che il testo è definitivo si potrà scaricarlo in formato txt con un clic in alto a destra. Alla prima visita sul link del sito comparirà un breve tutorial che illustra questo funzionamento. A nostro avviso i vantaggi di questo editor risiedono nel fatto che permette di scrivere dovunque si vuole o ci si sente ispirati – semplicemente scrivendo gli appunti nel browser – senza necessità di integrazione con servizi cloud come Dropbox o Google Drive, né necessità di passare al formato pdf.


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2021, P.IVA 01264890052
SoloDownload.it – Guide e consigli su programmi e software da scaricare supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009