Facebook introduce le Liste di interesse: che cosa sono e come funzionano

Di , scritto il 14 Marzo 2012

In inglese si chiamano News Feed Interest Lists, in italiano Liste di interesse. Sono un’altra novità di Facebook che strizza l’occhio a coloro che per vari motivi preferiscono l’utilizzo di Twitter. Si tratta infatti di dare agli utenti la possibilità da un lato di catalogare i contenuti ricevuti in base al loro tema, dall’altro di visualizzare con un clic tutti gli aggiornamenti relativi a un determinato argomento tratti da una serie di pagine precedentemente scelte con cura e raccolte in un news feed dedicato.

Le liste di interesse entreranno sulla scena nelle prossime settimane e consentiranno agli utenti di seguire amici, aziende, istituzioni e opinionisti sulla medesima interfaccia.

Alle liste di interesse si accede mediante la barra di navigazione laterale sinistra: cliccando sulla lista di interesse desiderata (per esempio Moda, Sport, Finanza o altre personalizzate) verrà visualizzato tutto quanto è stato pubblicato da coloro che vi sono precedentemente stati inclusi dall’utente. Questi è l’unico che può modificare la lista e scegliere se tenerla privata o renderla pubblica (in quest’ultimo caso la lista sarà anche automaticamente raccomandata agli amici).

Per creare una nuova lista, un wizard aiuta gli utenti a scegliere tra le loro pagine già “piacizzate”, le precedenti iscrizioni, gli amici e i membri delle categorie predefinite (come Arte, Videogiochi ecc.). Gli utenti possono anche scegliere di aggiungere una pagina alla lista di interesse prendendola dal Diario (la nuova interfaccia Timeline di cui abbiamo già parlato qui), anche quello degli amici.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloDownload.it – Guide e consigli su programmi e software da scaricare supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009