Come migliorare la SEO in una scheda prodotto su Amazon

Di , scritto il 23 Marzo 2020
scheda prodotto Amazon

In inglese si chiama product listing: è la pagina con cui un rivenditore presenta un articolo messo in vendita sul marketplace di Amazon. La scheda deve obbligatoriamente includere un titolo, delle immagini, una descrizione e il prezzo del prodotto. Il testo deve essere convincente se si desidera che il cliente compia l’azione cruciale: cliccare sul pulsante Carrello per avviare l’operazione di acquisto.

Inoltre, l’articolo deve essere facilmente reperibile nelle ricerche effettuate dagli utenti nell’Amazon Index. Ricordiamo che il ranking da parte di Amazon dipende da vari fattori: prezzi competitivi, sconti, recensioni positive, autorevolezza del venditore, alto volume di vendite pregresse.

Per raggiungere tutti questi obiettivi è necessario ottimizzare la pagina sotto il profilo SEO. In questo articolo vi presenteremo alcune informazioni e consigli importanti per i copywriter o per i merchant “fai-da-te” su Amazon.

Preparazione del materiale

Oltre ad avere sotto mano la scheda tecnica e tutti i dati precisi forniti dal costruttore, è anche di fondamentale importanza è conoscere bene le caratteristiche del potenziale cliente a cui ci si rivolge: sesso, fascia reddito, interessi, stile di vita. Sul web non è difficile trovare siti, blog, forum e gruppi Facebook, nonché video-recensioni su Youtube su qualsivoglia argomento.

Da non trascurare la lettura delle recensioni scritte dal pubblico target per prodotti analoghi messi in vendita dai competitor. Una volta raccolte queste informazioni preziose, esse concorreranno al completamento delle varie sezioni della schede prodotto di Amazon.

Titolo del prodotto

Fortunatamente l’interfaccia del modulo da compilare consente di dilungarsi abbastanza nella descrizione (a seconda dei casi si hanno a disposizione 250 o 500 caratteri), ma questo spazio deve essere sfruttato nel modo più razionale possibile.

La parola chiave che identifica il prodotto deve essere il più possibile vicina all’inizio del titolo. Il titolo deve includere elementi importanti come marca, nome del prodotto, numero del modello, materiale, colore, dimensione, tipologia ecc. – ovviamente in ordine importanza (i primi 80 caratteri sono i più importanti e in molti casi si possono omettere le preposizioni come da, per, a…).

Da tenere inoltre presente che i titoli saranno visualizzati dai potenziali clienti su device diversi e appariranno in lunghezze differenti: un buon titolo deve attirare l’attenzione in tre lunghezze: 35, 76 e 155 caratteri. Un buon esempio? Panni ecologici per pulizie domestiche in bambù biologico – 30 x 30 cm – 10 pezzi – Massima assorbenza – Lavabili e multiuso

Immagini del prodotto

In base alle regole di Amazon le foto devono avere un formato da 1000 x 1000 pixel. Nell’immagine principale l’articolo deve essere collocato nella parte centrale della foto, su uno sfondo bianco. Una scheda prodotto ideale su Amazon dovrebbe contenere almeno 5 immagini dell’articolo in vendita (ma ancora meglio se sono 6 o 7), prese da angolazioni diverse, con uno o più zoom sui dettagli. Almeno una foto dovrebbe lasciare intuire le dimensioni del prodotto (ad esempio tenuto in mano o toccato da una mano).

Molto utili anche le foto dell’articolo in fase di utilizzo pratico. Anche le foto dell’imballaggio sono opportune. In generale per la scelta delle foto lasciatevi guidare da una domanda: quali curiosità potrebbe avere il compratore?

Video del prodotto

Molti merchant optano giustamente per un unboxing video, altri per una clip che raffigura l’articolo in situazioni di utilizzo reale: entrambi sono un’ottima idea, perché i contenuti video forniscono informazioni preziose e risultano molto convincenti.

Elenco delle caratteristiche

In inglese si chiamano bullet points, in italiano sono gli “elenchi puntati”. Sono ubicati sotto il prezzo, dopo le eventuali varianti del prodotto e i dettagli sulla spedizione. Gli elenchi puntati devono evidenziare le caratteristiche più rilevanti e i punti di forza dell’articolo in vendita (materiali particolari, durabilità, sicurezza, facilità di utilizzo o installazione, condizioni di garanzia).

Tutto questo usando il numero più alto possibile di parole chiave secondarie al fine di rendere chiara la qualità dell’articolo al potenziale acquirente. Per certi versi gli elenchi puntati sono più importanti della descrizione testuale stessa del prodotto: questo grazie alla posizione in cui compaiono sulla pagina, immediatamente sotto il prezzo e accanto al carrello.

Descrizione estesa del prodotto

È ovviamente anch’essa di primaria importanza, perché fornisce ulteriori informazioni sull’articolo e permette di introdurre altre parole chiave. Le best practice consigliano un testo di almeno 500 caratteri che descrive l’articolo in maniera dettagliata.

Non deve assolutamente trattarsi di un testo copiato e incollato da un’altra fonte online (ad esempio dal sito del produttore): è opportuno riformulare ogni singola frase in modo che il discorso risulti del tutto inedito e possibilmente offra del valore aggiunto.

Quando si scrive la descrizione del prodotto occorre mettersi nei panni del cliente e immaginare quali sarebbero le informazioni che cercherebbe con maggiore probabilità.

Bisogna sottolineare le caratteristiche rilevanti del prodotto, gli attributi del marchio e fare accenno ai vantaggi di quella scelta rispetto a prodotti analoghi della concorrenza. Un’altra possibilità usata da molti copywriter è quella di utilizzare una forma narrativa, come a prendere il cliente per mano e aiutarlo a immaginare come sarà la sua esperienza nell’uso del prodotto nella sua quotidianità. Assai consigliabile anche la conclusione dell’ultimo paragrafo con una call to action, ovvero un invito all’acquisto.

Campo delle parole chiave

Le keyword di una scheda su Amazon devono ovviamente comparire nel titolo, negli elenchi puntati e nella descrizione, ma anche nell’apposito campo delle parole chiave che si trovano nel backend della scheda prodotto.

Alcuni consigli in proposito: non usare virgole tra una keyword e l’altra, non ripetere gli stessi termini, utilizzare soltanto il singolare (singolare e plurale non sono rilevanti), non usare le maiuscole (non vi è differenza tra grafia maiuscola e minuscola), usare combinazioni di parole (ad esempio crema-viso basta per coprire le combinazioni crema, viso, crema per il viso). Si tenga presente che in questo campo l’ordine dei termini inseriti non è determinante.

Recensioni dei clienti

Ovviamente chi scrive la pagina non ha il potere controllare che cosa comparirà in questa sezione, ma dovrebbe leggere le opinioni degli acquirenti con estrema attenzione per migliorare i suoi testi e non ripetere gli stessi errori in casi successivi: le opinioni e le valutazioni di chi ha già in mano il prodotto sono essenziali per il suo successo nelle vendite.

Per ottenere delle recensioni positive occorre sia fornire articoli di alta qualità che un servizio clienti di livello eccellente, con continui controlli dello standard delle procedure usate. Le recensioni negative possono rivelarsi di importanza cruciale per migliorare alcuni aspetti del servizio (ispezione, imballaggio, spedizione) al fine impedire che il medesimo inconveniente si verifichi ancora in futuro. L’obiettivo ideale da raggiungere è la presenza di almeno 15 recensioni positive.

Un’ottimizzazione continua

Come avrete capito, scrivere una pagina di questo tipo è un lavoro impegnativo, in cui difficilmente ci si improvvisa e che non si può pensare di sbrigare nel giro di qualche minuto. Inoltre, una scheda prodotto su Amazon non è mai definitiva, ma deve essere continuamente migliorata e raffinata, quanto meno via via che si leggono le opinioni degli utenti. I più esperti copywriter fanno anche dei test con schede leggermente diverse per verificare quale versione di una pagina genera più lead.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloDownload.it – Guide e consigli su programmi e software da scaricare supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009