Attenzione al bottone ‘non mi piace’ su Facebook

Di , scritto il 20 Agosto 2010

Un esercito di utenti di Facebook reclamavano da tempo il pulsante “dislike”, per commentare un elemento non gradito. La richiesta è più che giustificata, perché finora, davanti a un contenuto pubblicato su Facebook, si può solo esprimere il proprio consenso con un clic su ‘Mi piace’ o al massimo tacere.

E’ arrivato un bottone ‘non mi piace’ (per ora solo in lingua inglese), che si presenta come un’estensione per il browser. Solo che probabilmente si tratta di una truffa, tant’è vero che – nonostante il messaggio pubblicitario con cui si presenta – non si tratta di un’applicazione ufficiale di Facebook.

A mettere in guardia gli utenti è un comunicato della Sophos, importante società inglese specializzata nella sicurezza informatica. L’add-on sarebbe in realtà un malware: ogni volta che ingenuamente l’utente dissente su un contenuto, dirotta il suo computer su siti terzi e fornisce così inopinatamente i suoi dati, diventando obiettivo di spamming pubblicitario e quant’altro. In altri termini: cliccando su ‘non mi piace’ ci si ritrova con un account e un computer infetti.

Ovviamente aspettiamo di saperne di più e di sentire altre voci ma per il momento evitiamo di scaricare o premere quel bottone. Sophos consiglia agli utenti di eliminare tutti i riferimenti al bottone dalla loro bacheca e di rimuovere l’applicazione dalle Impostazioni dell’Account.

1 commento su “Attenzione al bottone ‘non mi piace’ su Facebook”
  1. […] antisociale. Già non abbiamo mai capito perché non sia mai stato possibile avere un bottone ‘Non mi piace’ per dissentire dalle affermazioni degli altri. E’ vero che l’obiettivo dei creatori di […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2022, P.IVA 01264890052
SoloDownload.it – Guide e consigli su programmi e software da scaricare supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009