Qtrax: se Internet crea strombazzando e distrugge in silenzio. Ma secondo voi, si farà?

Di

qtraxQual era il futuro della musica, fino a qualche ora fa? Qtrax, gigantesco jukebox online. Che ti dà – secondo quanto dichiarato ai quattro venti da blog e siti internazionali – 25 milioni di brani gratis. Che cosa ci guadagnano i titolari dei diritti, ossia le major e gli artisti? I soldi ricavati dalla vendita di spazi pubblicitari.

Mostri sacri come Universal, Sony BMG, Warner e EMI ci stanno, visto che il cd è un cadavere vivente.

Non solo: in Qtrax gli utenti potranno importare e condividere archivi, controllati dai sistemi di protezione. Insomma, tutto si svolgerà lì dentro: una specie di camera da letto privata e chiusa a chiave, dove chi vuole si diverte un mondo, ma non può uscire di lì. Non sarà possibile trasferire i brani su cd (ma non era morto? Boh?) né altrove.

Insomma, un gigantesco spazio dove scambiare brani a volontà, sotto l’occhio vigile di Qtrax, alla faccia del file sharing illegale.

Tutto questo – dicevo – era arcinoto al mondo. Dopodiché, la doccia fredda. Per ora non se ne fa nulla. Le major non ci stanno e non firmano alcun contratto con Qtrax. Come hanno reagito siti e blog che prima davano l’affare per scontato? Silenzio di tomba. Forse perché non trattasi di notizia eccitante.

Ma secondo voi, in futuro si farà?

1 commento su “Qtrax: se Internet crea strombazzando e distrugge in silenzio. Ma secondo voi, si farà?”
  1. devito ha detto:

    Warner, Sony-BMG, Universal ed EMI sono probabilmente in trattativa, ma niente di più. E intanto lo scherzetto è costato agli azionisti di Qtrax ben 25 milioni di dollari in Borsa. Qtrax e’ morto prima di nascere… Purtroppo!


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it, 2007-2022, P.IVA 01264890052
SoloDownload.it – App e software consigliati supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009